Le proiezioni a terra

Filmato proiezioni

Nel combattimento la distanza gioca un ruolo fondamentale e deve modificare il nostro comportamento. Quasi sempre, uscendo dalla fase di scherma, si arriva ad una situazione di corta distanza che anticipa il corpo a corpo. Nel corpo a corpo le armi del corpo diventano quelle corte; prima gomito e ginocchio e poi spalle ed anche. Questo ci può costringere alle proiezioni a terra che hanno due fasi di studio: 1)una fase più di attacco, la chiusura della distanza con l’entrata per la proiezione e 2) una fase maggiormente difensiva, la caduta. Argomenti che richiedono studio ed allenamenti specifici.

In questo video vediamo alcuni esempi.

Per proiettare a terra l’avversario abbiamo 4 scelte principali:

* falciare la base d’appoggio (spazzata o falciata)

* spostare il baricentro dell’avversario (spingere, tirare, puntellarsi)

* mandare in torsione la colonna dell’avversario (anche tramite leva articolare)

* combinare le scelte precedenti

La proiezione a terra può essere dura, secca, sul posto, oppure accompagnata, progressiva, che sposta lontano l’avversario. E’ fondamentale l’uso delle gambe per rendere la proiezione efficace e senza l’utilizzo di forza in eccesso.

Le posizioni dello stile

Le posizioni, di solito, si dividono in posizioni alte e corte e posizioni basse e lunghe. Le prime sono generalmente lunghe quanto le spalle e larghe quanto le anche; le altre sono lunghe anche più di due volte le spalle e di larghezza variabile.

Le posizioni alte e corte combinate tra loro, permettono spostamenti molto rapidi ma non possono essere di supporto a tecniche di braccia molto potenti, quindi richiedono grande precisione nella tecnica di braccia. Le posizioni basse, combinate tra loro, creano movimento lento ma permettono di utilizzare tecniche molto potenti.

Le posizioni sono la base di tutte le tecniche, di braccia e di gamba, e sono le fondamenta per lo studio del principiante. Devono essere usate con abilità e velocità in modo da permettere tutti gli spostamenti per chiudere la distanza o allontanarsi. Inoltre diventano tecniche vere e proprie nelle proiezioni, nelle schivate, nei calci e anche nelle leve articolari eseguite con gli arti inferiori.

Chut-Xing-Po-1-1024x921

Chut Xing Po

Kua-Fu-Po-973x1024

Kua Fu Po

 

 

 

 

 

 

Ma-Po-1024x890

Ma Po

Gung-Po-1024x680

Gung Po

 

 

 

 

 

 

TanTaPo-1024x1001

Tan TaPo

Yat-Wah-Po-889x1024

Yat Wah Po

 

 

 

 

 

 

 

Vanno allenate in tutti i modi: mantenute, con cambio continuo, saltate, utilizzando pesi alle braccia e/o alle gambe, con il compagno sulle spalle, bendati, sui pali, studiando la forma solo con gli spostamenti delle posizioni, ecc..

Ogni posizione ha punti di forza e punti deboli, quindi ogni posizione deve adeguarsi al tipo di spostamento, alla tecnica (di braccia o di gamba) che si vuole eseguire, alla distanza che vogliamo ottenere dall’avversario, alla strategia di combattimento che si vuole mettere in atto.

Lau-Ma-1024x753

Lau Ma

Kung Fu femminile

donna-kim

Molti pensano che l’Arte del Kung Fu non sia adatta alle ragazze e alle donne; niente di più errato.

Nel Kung Fu gioca un aspetto molto importante la ricerca interiore e la capacità di percepirsi in profondità: in questo le donne sono facilitate.

Il loro predominante aspetto Yin le facilità nel sentire interiore.

Alcune armi del Kung Fu richiedono molta eleganza e plasticità per poter essere utilizzate nella loro massima espressione; doti che la donna esprime con maggior naturalezza rispetto all’uomo. Esempi chiarificatori sono la lancia (Cheong) e la spada (Gim); queste armi vengono sicuramente esaltate nelle loro possibilità tecniche in misura maggiore dalla donna.

In questo video vediamo l’uso delle doppie spade (Seon Gim) Tang Lang.

 vedi il video

Programma di studio della scuola del M° Lee Kam Wing

La nostra scuola discende dall’insegnamento del Sifu lee Kam Wing, 7a generazione, che discende dal fondatore dello stile Tang Lang, Wong Long.

Il programma dello stile Mantide religiosa delle 7 Stelle, Qi Xin Tang Lang, della nostra scuola prevede lo studio di 83 forme, considerando le forme a mano nuda, con le armi, i combattimenti prestabiliti a mano nuda, con le armi e mano nuda contro arma. Anche la forma completa di Qi Gong Shaolin, ShiBa Lohan Gong, è inserita nel programma di studio.

Programma delle forme

Lo studio delle forme viene proposto progressivamente iniziando dallo studio delle basi tecniche. Lo studente aumenta il numero delle forme conosciute in base alla sua capacità  di acquisizione alla padronanza che dimostra nella tecnica e nelle strategie dello stile. Il tutto viene acquisito tramite il costante allenamento che permette alla persona di maturare, memorizzare ed esprimere l’essenza dello stile.

Pang-Po-Kuen

Pang Po Kuen

Nella nostra scuola, inoltre, il programma viene ampliato con lo studio del Qi Gong marziale e medico, del Tuina ed altre forme con e senza armi provenienti da diverse scuole.

In questo modo viene data al praticante, quando è padrone del proprio stile, di approcciare metodologie di allenamento, coordinazione e abilità motoria, strategie di combattimento diverse dal suo stile.

Apertura corsi Kung Fu tradizionale a Roma

disegno-2-1024x723

Il 9 Settembre si sono riaperte le iscrizioni ai corsi di Kung Fu, adulti e bambini.

Nella sede di Via Monte Cardoneto,9 (Roma)

gli orari sono i seguenti:

Lunedì e Mercoledì

dalle 16:45 bambini

dalle 17:30 ragazzi/adulti

dalle 20:30 ragazzi/adulti

Per tutto il mese di Settembre sarà possibile effettuare lezioni di prova gratuite.

Posizioni dello stile


yat-wah-po
Le posizioni sono importanti in ogni stile perchè creano le fondamenta sulle quali costruire la tecnica di braccia. Ma questa non è l’unica potenzialità che hanno le posizioni.

Le posizioni possono diventare vere e proprie tecniche di gamba permettendo di proiettare, bloccare, ostacolare l’avversario.

Le posizioni allenate staticamente permettono di potenziare la forza delle gambe, mentre allenate dinamicamente aumentano la capacità di muoversi rapidamente e con poco sforzo.
kwa-sao-tou-kuen
Si dividono in alte, normalmente corrispondono alla lunghezza delle spalle, che permettono spostamenti rapidi quando concatenate tra loro, ma permettono tecniche di braccia meno potenti.

Quelle basse invece, maggiori della lunghezza delle spalle, danno la possibilità di esprimere maggiore potenza attraverso le braccia, ma eseguite in successione, rendono più lenti gli spostamenti.

Bisogna raggiungere la completezza negli spostamenti utilizzando posizione alte e basse con la stessa maestria.

 lau-mah